Pages Menu

Il controllo dei costi e di gestione nello studio odontoiatrico

Il controllo dei costi e di gestione nello studio odontoiatrico

Pubblicato da il 11 Dic 2017 in Costi sotto controllo | 4 commenti

La contrazione dei volumi di vendita dovuta all’andamento negativo del ciclo economico può comportare un peggioramento della redditività e, in alcuni casi, l’ottenimento di risultati economici negativi.

Nei periodi di contrazione dei ricavi è importante conoscere analiticamente la struttura dei costi: il mantenimento di risultati positivi può infatti ottenersi solo con interventi mirati al miglioramento dell’efficienza e/o di contenimento dei costi fissi.

L’analisi di break-even (o punto di pareggio) consente di verificare gli effetti di questi interventi.

Il punto di partenza è l’identificazione della struttura dei costi che si dividono in costi variabili e costi fissi.

Per definizione i Costi variabili:

  1. Sono direttamente correlati ai volumi della produzione o della vendita.
  2. Il costo unitario è perciò costante.
  3. La variabilità dipende dall’orizzonte temporale.
  4. La variabilità dipende anche dalla capacità dell’azienda di controllare prezzi e fornitori.

In uno studio dentale, per intenderci, i costi variabili sono rappresentati dal materiale, dal personale collaboratore a p.iva (che percepisce quindi un compenso in % sul lavoro prestato) e dal settore odontotecnico (che lavora su ordinazione).

I Costi fissi invece:

  1. Non mutano al variare dei volumi di produzione o vendita.
  2. Il loro sostenimento è necessario al funzionamento dell’azienda.
  3. Una loro variazione significativa è possibile solo rispetto ad ampi orizzonti temporali o a fronte di grandi variazioni dei volumi.
  4. Il costo unitario tende a decrescere in funzione delle quantità di produzione e vendita.

In uno studio dentale i costi fissi sono solitamente rappresentati dai canoni di leasing, dalle utenze, dall’affitto, dal personale dipendente e dai costi amministrativi in generale (commercialista, pulizie, cancelleria).

L’analisi di break-even è un metodo per determinare il livello di vendite in grado di garantire la copertura di tutti i costi, sia di tipo variabile sia di natura fissa.

  1. È il livello oltre il quale lo studio realizza risultati positivi.
  2. La conoscenza di tale valore si rivela utile per misurare il modo in cui variazioni del fatturato influenzano l’utile netto dell’azienda.
  3. L’analisi consente di costruire scenari per prevedere l’impatto che eventuali decisioni di investimento possono provocare sulla economicità dello studio.

analisi di break-even

Il punto di break-even (quello rosso) è individuato dal punto di intersezione tra la retta che rappresenta i Ricavi totali (linea nera) e quella che rappresenta i Costi totali (linea blu).

Il valore dei costi variabili è rappresentato dalla retta in colore blu, la cui inclinazione dipende dal costo variabile unitario dei prodotti (più i singoli prodotti costano, più la retta è inclinata).

Il valore dei costi fissi è rappresentato dalla linea continua arancione parallela all’asse delle ascisse, la cui intercetta è pari all’ammontare del costo fisso totale.

La linea blu dei costi variabili parte direttamente da dove inizia la retta dei costi fissi (infatti i costi fissi li sosteniamo anche se volessimo tenere l’ambulatorio chiuso).

A questo punto come adattare questo semplice schema alla realtà del proprio studio?

La regola vorrebbe che costi variabili e ricavi fossero calcolati per singola area di intervento (quindi, ad esempio, implantologia, ortodonzia, gnatologia, etc etc).

Per semplicità ora affronteremo l’ipotesi di uno studio “monoservizio”.

Si ipotizza uno studio con questi numeri:

  • Titolare (ipotesi remunerazione del 50% sul proprio fatturato)
  • Collaboratore (ipotesi remunerazione del 35% sul proprio fatturato)
  • Costi del materiale vario 40% sui ricavi
  • Una assistente del costo di euro 35.000 lordo annuo (vuol dire comprensivo di contributi, tredicesima, ferie, TFR)
  • Affitti passivi per euro 24.000 annui
  • Leasing e utenze per euro 40.000 annui
  • Ricavi operato del titolare euro 200.000
  • Ricavi operato del collaboratore euro 100.000

Di conseguenza la struttura dei costi sarà la seguente:

 

RICAVI TITOLARE € 200.000,00

RICAVI COLLABORATORE € 100.000,00

Totale ricavi € 300.000,00

Costo titolare 50% € 100.000,00 (il titolare è considerato un costo in relazione alle sue prestazioni)

costo collaboratore 35% € 35.000,00

costo materiale 40% € 120.000,00

totale costi variabili € 255.000,00

assistente € 35.000,00 (tale costo è considerato al lordo dei contributi, TFR e tredicesima)

affitto € 24.000,00

leasing e utenze € 40.000,00

totale costi fissi € 99.000,00

Da questo semplice esempio si capisce che il risultato di esercizio non potrà esser soddisfacente poiché:

Totale ricavi € 300.000,00

Totale costi fissi e variabili € 354.000,00

Risultato -€ 54.000,00

 

Come intervenire?

Le possibilità possono essere diverse:

  1. Ridurre il compenso del titolare: nel caso specifico portarlo dal 50% sul fatturato al 20% porterebbe ad un recupero di produttività ed a un ritorno all’utile;
  2. Ridurre il costo del materiale: anche qui una riduzione del costo dal 40% al 20% porterebbe ad un ritorno all’utile
  3. Aumentare i ricavi (= aumentare i prezzi e/o le ore lavorate) passando dagli attuali 300.000 euro a 660.000 euro.
  4. Dimezzare i costi fissi (quindi incidere su assistente, affitto e leasing in maniera drastica)

Quale di queste soluzione è proponibile? Nessuna! O, meglio, nessuna presa singolarmente.

L’analisi della struttura dei costi serve per fare una fotografia della situazione dello studio, ma la soluzione deve esser adottata in maniera organica.

Nel caso oggetto di esempio l’intervento proposto potrebbe essere articolato nel seguente modo:

RICAVI TITOLARE € 220.000,00

RICAVI COLLABORATORE € 100.000,00

Totale € 320.000,00

Costo titolare 35% € 77.000,00

Costo collaboratore 35% € 35.000,00

Costo materiale 35% € 112.000,00

totale costi variabili € 224.000,00

assistente € 35.000,00

affitto € 20.000,00

leasing e utenze € 40.000,00

totale costi fissi € 95.000,00

Totale ricavi € 320.000,00

Totale costi fissi e variabili € 319.000,00

Risultato € 1.000,00

Che lavoro è stato fatto? si è ipotizzato:

  • Un aumento del fatturato complessivo di euro 20.000 (attuabile attraverso un piccolo aumento dei prezzi o grazie ad un aumento della presenza in ambulatorio del titolare)
  • Una diminuzione della percentuale di remunerazione delle prestazione del titolare passando dal 50% al 35% ( il suo reddito passerebbe quindi da euro 100.000 a euro 77.000).
  • Una riduzione del costo del materiale dal 40% al 35%.
  • Una riduzione di euro 4.000 del canone di locazione.

È sostenibile questo tipo di piano? A mio avviso sì, ed ecco perché:

  • Bisogna considerare che l’esempio presentato prevede che il titolare sia considerato anch’esso un costo, quindi remunerato.
  • Altra considerazione da fare è che i leasing hanno una durata temporale, quindi alla scadenza dei relativi contratti potremmo ipotizzare di non rinnovare l’intero studio ma di fare solo limitati aggiustamenti.

Tutte le volte che si interviene in uno studio non bisogna pensare di avere la ricetta precostituita per qualunque situazione. Interventi che non tengano conto del contesto in cui vengono fatti possono causare ancora più danni alla realtà di studio.

L’esigenza è quindi quella di capire il contesto, comprendere l’obbiettivo che si vuole raggiungere, valutarne la fattibilità e mettere in campo un combinato di azioni che mirino all’ottenimento del risultato!

Segui il Blog Dental Trey per rimanere sempre aggiornato sui temi della gestione economica dello studio!

Iscriviti al blog

Fabio Serafini Dottore Commercialista – Revisore Contabile presso K-Domus Konsulenza Impresa. Dice di sé: “Credo nell’etica del lavoro e nel rispetto dell’operato altrui, reputo la professionalità la migliore delle caratteristiche e la voglia di scoprire il miglior modo per migliorarsi. Mi piacciono le sfide e credo che il futuro ci riserverà molti cambiamenti, sta a noi saperli gestire!”

4 Commenti

  1. Il 40% di costi di materiale mi sembra una cifra spropositata rispetto alla realtà. Con il suo ragionamento ogni studio dovrebbe spendere 10.000€ al mese di materiali quando una ricerca di non molto tempo fa aveva calcolato che di materiali uno studio medio spende circa 10.000€ l’anno per ogni riunito.

    • Mi scuso per il ritardo nella risposta. In questo articolo le percentuali erano volutamente frutto di estrema semplificazione solo per far passare il ragionamento della profonda differenza tra il concetto di spesa variabile e quello di spesa fissa.

      Qualsiasi modello deve poi esser calato nella realtà dello studio in cui si opera, poiché non esistono modelli/ricerche che possono essere calati indistintamente su qualsiasi studio odontoiatrico.

  2. Che cosa comprende la voce “costi dei materiali”? Comprende anche i costi dei laboratori odontotecnici? Anche i costi delle verifiche dei radiografici, elettromedicali, medico competente?

    • Buongiorno, mi scuso per il ritardo nella risposta. Il concetto di costo variabile è semplice: rappresenta tutti quei costi che, non lavorando, non dovrei sostenere.

      Fatta questa premessa nei costi variabili devono assolutamente essere compresi tutti quei prodotti/servizi acquistati in funzione di un servizio (ricavo) erogato.

      Per rispondere quindi alla sua domanda, nei costi variabili (qui volutamente semplificati) possono certamente essere ricompresi i laboratori odontotecnici, mentre gli altri costi da lei indicati (verifiche radiografici, elettromedicali, medico competente) devono essere ricompresi nei costi fissi (sono costi che devo sostenere a prescindere dal fatto che abbia più o meno pazienti).

      I costi di manutenzione/verifiche apparecchiature sono solitamente preventivabili e fissi, come anche i costi per la sicurezza sul lavoro.

      Tenga presente che il controllo di gestione non serve (solo) per monitorare il passato ma soprattutto per dare una strada da seguire per il futuro.

Pubblica una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 

Questo blog è destinato esclusivamente a operatori professionali e riporta dati, prodotti e beni sensibili per la salute e la sicurezza del paziente.

Pertanto, per visitare il sito, dichiaro di essere un operatore sanitario.